La salute parte dalla pancia.. Dalla parte dei nostri batteri intestinali

Buongiorno, sono Ilaria e oggi voglio raccontarvi qualcosa sugli ultimi articoli che parlano di batteri intestinali: a conclusione del mio ultimo percorso di formazione universitario ho scelto come argomento per la discussione e presentazione della tesi proprio loro. I batteri intestinali e il loro ruolo nell’organismo. Sappiamo oramai moltissimo dei benefici riguardo la giusta alimentazione, l’adeguata attività fisica, e di come le nostre emozioni possano “mettere mano” su più rami della nostra vita. Ma io ora voglio andare oltre:

E se vi dicessi che il numero di cellule batteriche nel nostro corpo è appena superiore alla conta del numero totale di cellule umane?

E se aggiungessi che il 99% del DNA presente nel nostro corpo è dei batteri che vivono su e dentro noi?

E se vi dicessi ancora che i batteri dal nostro intestino sono in grado di modificare umore, di migliorare i sintomi di patologie gravi come l’Alzheimer o il Parkinson, o se vi dicessi che sempre loro, questi piccoli, minuscoli, insignificanti esserini possono modulare i sintomi dell’Autismo?

In realtà tutto ciò non lo dico io: sono studi recentissimi che vanno in questa direzione. Nella mia ricerca sono rimasta esterrefatta di fronte alla quantità di articoli che vedo pubblicata ogni giorno sulle relazioni tra microbiota ( = specie batteriche) e il nostro corpo. I nostri batteri producono la fonte principale di energia per le nostre cellule intestinali, pensate che importante cooperazione! Oggi sappiamo che l’eccessiva pulizia porta a problemi autoimmuni: il Sistema Immunitario è costretto a lavorare troppo poco e rischia così di diventare instabile ed irrequieto. Sappiamo invece che una bella e soprattutto varia dose di batteri fin dalla nascita aiuta il nostro Sistema Immunitario a gestire le sue reazioni, imparando ad attaccare in modo mirato solo i veri patogeni! Uno studio pubblicato alla fine dello scorso anno mostra come il microbiota della mamma durante la gravidanza, il parto e l’allattamento, sia in grado di influenzare il temperamento del nascituto!! Cosa molto interessante è la conferma che ogni patologia ha una sua precisa disbiosi (= alterazione della quantità o qualità dei batteri presenti nel nostro intestino) e che quindi intervenire sui batteri può essere alla base di una nuova strategia terapeutica del tutto personalizzata; utile sia nella cura che nella prevenzione delle malattie o delle ricadute.

Avete mai sentito parlare di Secondo Cervello? All’interno del nostro intestino esiste una fitta rete nervosa dal nome Sistema Nervoso Enterico che prende vita da un gruppo di cellule nervose che dal Sistema Limbico migrano per posizionarsi proprio nell’intestino. E chi è il Sistema Limbico? Si trova nel cervello ed è la sede delle nostre emozioni. L’intenso legame tra emozioni e intestino non ci sorprenderà più da oggi in poi!

Esiste un asse dal nome Asse Microbiota-Intestino-Cervello che conferma la continua relazione e l’interscambio di informazioni attraverso questi tre organi. Uno studio recente dimostra come interrompendo questa cooperazione aumenti il rischio di cadere in depressione.

Una delle cose più interessanti che mi sono portata dallo studio di questo argomento è che esiste una linea guida batterica fisiologica più o meno coerente in tutti gli uomini, ma poi in realtà ogni organismo ha il suo “manto batterico” la sua “colonia”, ha la sua impronta digitale microbica, unica e personale, data dalla convivenza tra microrganismi e uomo, in relazione alla qualità di vita di quest’ultimo.

Rivalutiamo i nostri piccoli amici ma soprattutto rivalutiamo il nostro Tempio, il nostro Corpo, che dimostra sempre più di essere un vero e proprio superorganismo creato dall’interazione tra le nostre cellule, le cellule batteriche e l’ambiente esterno. Un nuovo tassello per migliorare la conoscenza del nostro corpo, imparare a rispettare tutti gli esseri viventi e ad avere fiducia nel ruolo svolto da ognuno in questo folle mondo.

… E allora corriamo tutti al riparo imparando ad autoprodurre il Kefir… Ma ne parleremo la prossima volta! ed intanto

Sani Batteri a tutti!

Articolo scritto da:

Ilaria Ottaviani – Informatrice Scientifica sul Farmaco

Esperta di Medicine Naturali

Visita la mia pagina facebook

(piccolo assaggio di) Bibliografia

Dodet B.. Microbiota and representations of the human body. Med Sci (Paris). (2016) Nov; 32(11): 1003-1008.

Erro R., Brigo F., Tamburin S., Zamboni M., Antonini A., Tinazzi M.. Nutritional habits, risk, and progression of Parkinson disease. J Neurol. (2017) Oct 10.

Kim H., Park Y.J.. The association between temperament and microbiota in healthy individuals: a pilot study. Psychosom Med (2017); 79: 989-904.

Lima-Ojeda J.M., Rupprecht R., Baghai T.C.. “I Am I and My Bacterial Circumstances”: Linking Gut Microbiome, Neurodevelopment, and Depression. Front Psychiatry. (2017) Aug 22; 8: 153.

Lopetuso L.R., Petitp V., Graziani C., Schiavoni E., Paroni Sterbini F., Poscia A., Gaetani E., Franceschi F., Cammarota G., Sanguinetti M., Masucci L., Scaldaferri F., Gabarrini A.. Gut Microbiota in Health, Diverticular Disease, Irritable Bowel Syndrome, and Inflammatory Bowel Diseases: Time for Microbial Marker of Gastrointestinal Disorders. Dig Dis. (2017) Jul 7.

Nabizadeh E., Jazani N.H., Bagheri M., Shahabi S.. Association of altered gut microbiota composition with chronic urticaria. Ann Allergy Asthma Immunol. (2017) Jul; 119(1): 48-53.

Noble E.E., Hsu T.M., Jones R.B., Fodor A.A., Goran M.I., Kanoski S.E.. Early-life sugar consumption affects the rat microbiome independently of obesity. J Nutr. (2017); 147:20–8.

Parker A., Lawson M., Vaux L., Pin C.. Host-microbe interaction in the gastrointestinal tract. Environ Microbiol. (2017) Sep 11. Environ Microbiol. (2017) Sep 11.

Pistollato F., Sumalla Cano S., Elio I., Masias Vergana M., Giampiero F., Battino M.. Role of gut microbiota and nutrients in amyloid formation and pathogenesis of Alzheimer disease. Nutr Rev. (2016) Oct; 74(10): 624-34.

Sender R., Fuchs S., Milo R.. Revised Estimates for the Number of Human and Bacteria Cells in the Body. PloS Biol. (2016) Aug 19; 14(8): e1002533.

Woting A., Blaut M.. The intestinal microbiota in metabolic disease. Nutrients. (2016); 8(4): 202.